Wanda Nara

28.02.2019 11:36 di Claudio Nassi  articolo letto 57 volte
© foto di DANIELE MASCOLO/PHOTOVIEWS
Wanda Nara

Dicono che fin dall'età di 4 anni Wanda Nara sia abituata a stare sotto i riflettori. Sfilava mano nella mano con Valeria Mazza. Oggi ha quasi 5 milioni di follower soltanto su Instagram. Ho sentito più volte ripetere: "In Argentina sanno bene chi sono, ma non sanno chi sia Belen Rodriguez". Sposa Maxi Lopez, attaccante del River Plate, del Barcellona e di non so quante squadre, dal quale ha 3 figli. Divorzia e sposa il centravanti dell'Inter Icardi, a cui regala Francesca e Isabella. Abituata alle luci della ribalta, cresce 5 bambini, fa l'agente del marito, la conduttrice, la scrittrice, l'opinionista e l'imprenditrice. Dimenticavo: ci sono anche 4 cani, che pretendono non poche cure. Se nella vita è difficile fare una cosa bene, siamo di fronte a un ingegno poliedrico. Chapeau!

Detto tutto il bene possibile della signora, corre l'obbligo di ricordare che Icardi guadagna 4 milioni e mezzo netti l'anno, come nessun altro all'Inter, di cui, fino a ieri, era il capitano. A dimostrazione del valore e della considerazione di cui gode, ha una clausola rescissoria di 110 milioni. Solo per l'estero. Se tiro le somme trovo l'attore, un goleador tra i più forti in circolazione, una bella signora, l'attrice, sempre in prima fila, e una famiglia agiata, che si permette l'incredibile. Poi c'è il calcio, un mondo in apparenza dorato, ma pieno di insidie. E questo alla signora sfugge. Lo sa che è un gioco di squadra, che vince la società, che l'armonia è il segreto del successo, che lo spogliatoio è sacro e, soprattutto, che esistono le donne, che incidono sui mariti e i compagni quanto lei su Mauro? Sono quelle che possono dare tranquillità e equilibrio, o rendere la vita difficile. E alle signore non stanno certamente bene gli atteggiamenti di Wanda, sempre presente, spesso in prima pagina, che si permette di fare quello che nessun'altra neppure pensa.

Se crede che tutto passi inosservato, quando invece è vivisezionato, sbaglia. Allora si ritiri in buon ordine, lasci che a parlare sia il campo, non crei problemi al marito, alla squadra e alla società. Vedrà che, in poco tempo, tornerà la normalità. Se non vado errato, anche Ilary ha capito che era ora di abbandonare la tv per la famiglia, i figli e Totti e anche la sorella di Maurito, Ivana, smetterà di accusarla di aver manipolato il fratello, al punto da metterlo contro tutti. Ma se continua ad apparire in prima pagina sul settimanale argentino Gente e a dire che col suo ruolo ha rivoluzionato il machismo nel calcio, viene da pensare che, ancora una volta, Stazione di Sosta non abbia capito niente.   

© 2019 Stazione di sosta