Francis, re degli assist

28.07.2023 09:00 di Claudio Nassi   vedi letture
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
Francis, re degli assist

Dal momento che ci ha lasciato Trevor Francis, colpito da infarto nella casa di Marbella, non rimane che il ricordo. Correva l''82. Al Presidente Mantovani avevo fatto il nome di due stranieri: Trevor Francis e Bryan Robson. Il salto dalla Serie B pretendeva il meglio e i due inglesi lo rappresentavano, oltre ad essere nazionali e amici. Robson era uno dei centrocampisti più forti in circolazione con Falcao, Cerezo, Junior e Tardelli e col vizio del gol. Invece di Bryan, il Presidente preferì acquistare per un miliardo Brady e risolvere un problema all'Avvocato, che aveva già Platini.

Ed ecco Francis, 28enne, tre anni più vecchio, pronto a guidare una giovane Sampdoria. Perché Francis? Un fuoriclasse. L'unico che arrivava a crossare dal fondo da destra e sinistra, col destro e il sinistro, servendo assist a ripetizione. Non ho avuto il piacere di conoscerlo. Lo guardavo in tv e scoprivo quanto fosse intelligente. Nelle punizioni dirette contro, fintava di partire lateralmente, impegnando la visione periferica di chi calciava e doveva mettere il pallone a 40 cm dal palo, altrimenti il portiere ci arrivava. Un disturbo non da poco per chi era preparato a veder arrivare, al fischio dell'arbitro, il primo uomo della barriera. Da allora avete mai visto qualcuno ripeterlo? Brian Clough lo riteneva più forte di Kevin Keagan e convinse i dirigenti del Nottingham Forest ad acquistarlo dal Birmingham per oltre un milione di sterline, record del tempo.

Ho letto la pagina che gli ha dedicato la "rosea" dal titolo: "Il fuoriclasse fragile", che rappresenta perfettamente il calciatore, e, con ancor più interesse, il giudizio di Luca Pellegrini, compagno di squadra. E quando il cronista chiede a chi lo paragonerebbe oggi, risponde che non gli viene in mente nessuno. Era unico. Aiuto Luca. In passato c'è stato Claudio Sala, che arrivava sul fondo e da destra e sinistra serviva di destro e sinistro assist a Graziani e Pulici. Chiedete loro. Completamente diversi sul piano fisico, ma Claudio come Trevor re degli assist.  

© 2023 Stazione di sosta