Un buon facitore!

03.05.2024 09:00 di  Claudio Nassi   vedi letture
© foto di Federico De Luca 2023
Un buon facitore!

Nelle oltre 1.100 puntate di "Stazione di sosta" ho ripetuto di aver avuto molti maestri e imparato dai più grandi a livello nazionale e internazionale. Oltre ad aver guardato con interesse al basket NCAA e NBA, per sapere tutto da John Wooden, Bobby Knight e Red Auerbach. Se un particolare determinava, lo volevo a favore. Quindi lo psicologo dal '76, le statistiche dal '78, mutuati dal Brasile del '58 e dal basket. Il resto lo dovevo al Conte Rognoni sul piano politico, ad Artemio Franchi su quello mediatico e ad allenatori e D.S..

Ma c'era una cosa che nessuno aveva insegnato: confezionare le squadre. Fin da quando giocavo, analizzavo compagni e avversari. L'Olanda di Michels del '70 e l'Ajax diventarono i riferimenti. Al di là del fatto che presentavano più di un fuoriclasse. Poi la Juventus di Boniperti e Trapattoni. Quella tutta italiana, con Zoff, Gentile, Cabrini, Furino, Brio, Scirea, Causio, Tardelli, Boninsegna, Benetti e Bettega. Esclusi Gentile e Furino, tutti potevano fare gol. Il centrocampo, con Causio, Furino, Tardelli, Benetti e Cabrini, rasentava la perfezione. Non c'era il regista, il passaggio obbligato, e presentava due attaccanti da 40 reti a campionato.

Mi sono trovato alla Sampdoria con chi voleva vincere e, acquistati i migliori giovani dalla C e dalla B, Paolo Mantovani l'ha portata allo scudetto, alla Coppa delle Coppe e a tre Coppe Italia. E' nata una formazione dove gioventù, velocità e talento la facevano da padrone. Esclusi Pellegrini e Pari, tutti potevano segnare. Di ritorno da Goteborg, sull'aereo, Mantovani mi regalò il gagliardetto della finale, firmato dai calciatori, e nel retro scrisse: "Tutti questi sono più suoi che miei, compreso il metro e sessanta di Faustino Salsano". Domando ancora che cosa sarebbe stata quella squadra con Redondo e Van Basten. Il primo era chiuso sulla parola e il secondo suggerito dopo averlo acquistato per la Fiorentina. Ci sarebbero stati il Milan di Berlusconi e il Napoli di Maradona? Ho qualche dubbio.

Alla Fiorentina avvenne l'incredibile, dopo che mi era stata offerta la presidenza. Ceduti Massaro e Galli al Milan e Passarella all'Inter, la squadra avrebbe presentato: Cervone, Contratto, Carobbi, Oriali, Battistini, Scanziani, Berti, Falcao, Van Basten, Diaz, Di Chiara, più Kieft, Onorati e Baggio da recuperare. Come facitore di squadre me la cavavo, consapevole che alle spalle ho avuto due fuoriclasse, Paolo Mantovani e il Conte Pontello, senza i quali nulla sarebbe stato possibile. 

© 2024 Stazione di sosta

Altre notizie - Archivio
Il paperone Southgate08.07.2024 09:00
Il paperone Southgate
Gravina come Catilina!05.07.2024 09:00
Gravina come Catilina!
Piombino01.07.2024 09:00
Piombino
Frattesi e Barella28.06.2024 09:00
Frattesi e Barella
Aigner24.06.2024 08:00
Aigner
Bielsa22.06.2024 09:00
Bielsa
Vincerà la Germania!21.06.2024 09:00
Vincerà la Germania!
Nagelsmann17.06.2024 09:00
Nagelsmann
Marotta14.06.2024 09:00
Marotta
La gita ad Atene10.06.2024 09:00
La gita ad Atene
Altre notizie